L’elaborazione del lutto

Quando perdiamo una persona cara, ci troviamo risucchiati in un vortice di emozioni che, col passare dei mesi, sembrano aumentare d’intensità. Infatti, a una fase di shock e incredulità iniziali che non ci consentono di toccare la realtà della morte e di prenderne pienamente coscienza, segue la morsa del dolore in concomitanza con la ripresa della quotidianità: il vuoto c’è e si tocca con mano e pensiamo a come sarebbe se il nostro affetto fosse ancora con noi…c’è rabbia…disperazione…accettazione, nel tempo. Ma può esserci negazione, depressione,…

L’elaborazione del lutto è influenzata dalla relazione che abbiamo avuto con la persona scomparsa, dalle nostre caratteristiche di personalità e dallo stile di fronteggiamento di un evento traumatico e doloroso, dalla nostra storia… non c’è un tempo definito, così come non ci sono fasi di elaborazione del lutto ben delineate e a volte attraversiamo il dolore della perdita in maniera confusa e disordinata.

Ma se la sofferenza è tanto intensa da impedirci di svolgere le attività quotidiane, potremmo vivere il “lutto complicato”, con un sentimento costante di blocco, pensieri e immagini del caro defunto, evitamento di situazioni che ci ricordano la persona, rabbia eccessiva, senso di colpa, pensieri suicidari.

Pertanto, il lutto è un processo con manifestazioni diverse e altamente soggettive: noi siamo i migliori esperti di noi stessi e siamo in grado di comprendere se possiamo accettare una perdita e integrarla come esperienza oppure se abbiamo necessità, magari per un breve periodo, del sostegno di un esperto.

Scopri i nostri servizi e interventi su http://www.centroantes.it/servizi/psicologia-e-psicoterapia/che-cose/

Per ulteriori informazioni vai su http://www.centroantes.it/info/

Sistema Comunicazione Management Antes