Email Antes su facebook Posta certificata

Andala

Che cos’è?
“Andala” è una Struttura Residenziale per pazienti con disturbo psichico. Essa, a seconda della serietà e della complessità della patologia, comprende due moduli abitativi:
• Gruppi Residenziali di integrazione sociale: si tratta di una residenza che ospita otto utenti con disturbi psicopatologici che comportano ridotte capacità di vita autonoma, che necessitano di un supporto per le attività della vita quotidiana e che possono trarre significativo vantaggio e sostegno dalla vita comunitaria. Si tratta di utenti che presentano aree di abilità e di autonomia, anche se non tali da permettere un funzionamento ottimale senza il supporto di operatori.
• Comunità ad alta intensità terapeutica: la struttura residenziale accoglie otto pazienti che, per la complessità della loro patologia, richiedono elevati livelli riabilitativi, sino a prevedere una presenza e un sostegno di operatori per 24 ore. Infatti, si tratta di pazienti che necessitano in più momenti della giornata di assistenza sanitaria psichiatrica, un quadro psicopatologico caratterizzato da frequenti riacutizzazioni ed eventuali ricoveri.
Antes gestisce gli aspetti sanitari e sociali di tale struttura e, in associazione con la Cooperativa SEMPREVERDE, prende parte all’inserimento lavorativo degli ospiti.

 

Come si accede?
Di norma, l’inserimento è disposto dal direttore del DSMD, su proposta del responsabile del CSM di riferimento delle ASL di provenienza che ha in carico il paziente. Vengono contattate le figure Responsabili della Struttura e presentato il caso all’UVI ( Unità di Valutazione Interna) costituita dalle seguenti figure professionali:
- Direttore Sanitario della Struttura;
- Responsabile per l’area Sociale ;
- Medico Psichiatra;
- Psicologa Referente per la Riabilitazione;
Gli specialisti dell’équipe valutano l’appropriatezza dell’inserimento, dietro presentazione del PTRP ( Programma Terapeutico Riabilitativo Personalizzato) che ne definisce il percorso terapeutico- riabilitativo individualizzato e contempla obiettivi da perseguire, modalità e tempi di intervento, durata dell’inserimento.
Sulla scorta di tale PTRP sarà cura della nostra équipe interna ( Educatore Professionale – Infermiere Professionale - Operatore Socio Sanitario), dopo un periodo di conoscenza e di valutazione, definire e redigere un Progetto Programma operativo interno , volto a definire le fasi e le azioni di intervento.
Nulla vieta che l’inserimento possa avvenire anche in forma privata (richiesta familiare) o su invio di altri enti (servizi sociali comunali). In tali ipotesi, sarà cura della nostra UVI valutare in toto la possibilità e la congruità dell’inserimento, scelta effettuabile grazie alla professionalità e alla qualificazione dell’organico di “Andala”.
 

 

Quali obiettivi si pone?
Gli obiettivi che “Andala” si pone sono improntati alla cura del paziente psichiatrico e alla sua riabilitazione. Pertanto, il progetto prevede l’articolazione degli interventi nelle seguenti aree
- Spazio abitativo, il quale prevede la costruzione di un percorso di acquisizione/riacquisizione di abilità utili alla gestione di uno spazio di vita autonomo
- Contesto lavorativo: la formazione e l’inserimento lavorativo perseguono finalità terapeutiche, riabilitative e di inclusione sociale
- Area delle relazioni sociali: gli interventi di promozione della socialità hanno l’obiettivo primario di promuovere la costruzione di relazioni e reti informali, familiari e sociali, lo sviluppo di abilità e competenze sociali.
- Riabilitazione del paziente attraverso un lavoro clinico multidisciplinare rispetto alle dimensioni della consapevolezza e dell’acquisizione/riacquisizione delle abilità di vita: ogni intervento riabilitativo sul paziente psichiatrico ha un taglio di natura clinica e multidisciplinare, in quanto l’équipe di Andala dispone di psicoterapeuti specialisti in terapia individuale, familiare, di gruppo.

 

 

Su quali attività si basa?
Il progetto terapeutico-riabilitativo è supportato da attività riabilitative varie, coadiuvanti il recupero, il potenziamento e l’acquisizione di abilità manuali e cognitive. Gli interventi clinici, di natura individuale e/o di gruppo, devono favorire la partecipazione ad attività culturali, educative, socializzanti, ricreative, sportive, svolti nei contesti e nei luoghi di vita delle persone. L’utente viene stimolato nella cura di sé in qunato persona responsabile della costruzione del proprio benessere personale e degli ambienti di vita ( autonomia abitativa), stimolato nell’acquisizione di abilità nuove e nel potenziamento - conservazione delle abilità possedute attraverso i vari laboratori interni: cucina, informatica, lingue, decoupage, pittura, lettura, cineforum ecc. A supporto, sono previste periodicamente tutta una serie di attività esterne alla Struttura : giardinaggio, orto- terapia, tali attività sono svolte con il contributo della Cooperativa SEMPREVERDE. 
Sono previste uscite quotidiane individuali e di gruppo nel paese di appartenenza Ardali – Triei e nel territorio circostante ( negozi- cinema – chiesa – piscina – palestra – pizzeria – bar – ecc); la finalità precipua è quella di lavorare sulla socializzazione e sull’integrazione dell’utente. Tra i tanti interventi sono programmate attività formative esterne volte a far acquisire agli ospiti nuove opportunità e nuove conoscenze da destinare all’apprendimento di un lavoro, nonché inserimenti socio-lavorativi con la finalità di fare acquisire alla persona competenze e capacità da esprimere all’esterno al fine di sviluppare senso di responsabilità personale e possibilità di scelta. 
Poiché l’obiettivo che “Andala” si pone è quello di riabilitare il paziente a una vita piena e indipendente.
Parte integrante del piano Terapeutico è il lavoro con le famiglie, per questo è richiesta la partecipazione attiva della famiglia di ogni ospite. Presso la struttura vengono organizzati incontri di consulenza e sostegno con i familiari degli ospiti, coordinati della Psicologa. La Struttura residenziale ritiene indispensabile il coinvolgimento dei familiari sia per la verifica del piano terapeutico personalizzato che per attività di ascolto e sostegno.
Tra i fini riabilitativi è garantito il servizio di consulenza e di sostegno psicologico al paziente e in ogni momento della giornata grazie alla presenza costante della figura della Psicologa.
Un giorno alla settimana presso la struttura è aperto lo Sportello di ascolto rivolto sia agli Operatori che agli ospiti condotto dalla figura della Psicologa. Periodicamente sono svolte le riunione di équipe tra operatori e tra operatori ed ospiti per un lavoro a 360°.
Modello d intervento
Il modello di intervento è multidisciplinare e globale in riferimento alla presenza di specialisti afferenti a più modelli clinici di intervento. C’è quindi la costruzione di un percorso riabilitativo finalizzato all’integrazione fra le figure professionali interne alla struttura e fra i vari servizi: è ad esempio imprescindibile la collaborazione con i Dipartimenti di Salute Mentale competenti per territorio, sin dall’invio del malato, proseguendo con l’esecuzione del progetto terapeutico residenziale, per finire con la garanzia di una valida ed efficace continuità terapeutica dopo le dimissioni.
Lo stesso dicasi per i rapporti tra strutture residenziali e servizi territoriali, su cui grava appunto il peso della continuità terapeutica.

 

Com’è organizzata?
La gestione della struttura è affidata a personale qualificato, aggiornato e motivato.
 

Lo staff
-Dott.ssa Silvia Carta ( Medico ) Direttore Sanitario e Responsabile della conduzione sanitaria;
-Sara Asoni; responsabile Area Amministrativa
-Delia Barris; Responsalile Sistema Qualità
-Dott.ssa Marzia Demontis (Assistente Sociale), Responsabile di struttura
- Dott.ssa Susanna Ferreli (Psicologa ) Referente per la Riabilitazione
- Dott.ssa Eleonora tocco ( Medico) Psichiatra per la Struttura
 

Sono operatori
- Psicologi; 2 unità
- Infermiere Professionale; 3 unità
- Educatori Professionali; 6 unità
- Operatori Socio Sanitari; 7 unità
- manuntentori; 2 unità

 

Tutto il personale impiegato opera in assoluta riservatezza, nel rispetto del diritto alla privacy dell' ospite e dei suoi familiari.
Il personale è costantemente aggiornato e formato per fornire un servizio qualificato ed innovativo.

 

Orari di apertura
La Struttura è di tipo residenziale, pertanto offre ospitalità agli utenti 24 ore su 24.
La copertura oraria della struttura da parte degli operatori si attesta, come previsto per la tipologia accreditata, sulle 24 ore, con l’erogazione dell’assistenza sanitaria specialistica, quale quella dello psichiatra, al fine di garantire un servizio qualitativamente elvato.

 

A quanto ammonta la retta?
Le rette individuali giornaliere sono quelle previste dall’Allegato alla Deliberazione della G.R. n. 57/3 del 23-10-2008. L’importo è determinato sulla base del livello di intensità del paziente, previa valutazione multidisciplinare diagnostica dell’equipe inserente e l’approvazione dell’UVI interna.

 

Per informazioni:
Dr.ssa Sara Asoni telefono fisso: 0782 624420
Dr.ssa Marzia Demontis telefono mobile: 3200105205

e-mail:info@centroantes.it

COME SI RAGGIUNGE LA STRUTTURA?